Team coaching in azienda: cos’è e come applicarlo

Con l’espressione team coaching si intende un intervento finalizzato allo sviluppo di realtà lavorative che prevede un rafforzamento della collaborazione tra i lavoratori al fine di:

  • Migliorare le competenze.
  • Aumentare la consapevolezza.
  • Pianificare le strategie.
  • Aumentare l’efficienza produttiva.
  • Focalizzarsi su precisi obiettivi.

Oggi sono moltissime le organizzazioni che decidono di affidare il loro successo nelle mani di figure esterne esperte in questo tipo di processo. A differenza di molti altri interventi appartenenti al settore dell’executive coaching, non si limita a coinvolgere i dirigenti o chi ricopre il ruolo di leader, ma si rivolge a tutti i componenti del gruppo di lavoro.

Come suggerisce il nome stesso, infatti, il team coaching parte dalla presa di responsabilità da parte di ogni singolo individuo nel determinare la riuscita o meno delle dinamiche aziendali e il raggiungimento dei traguardi prefissati.

Per questo motivo il coaching è sicuramente una soluzione e presenta un elevatissimo potenziale. Può condurre al conseguimento di un risultato davvero consistente e a un immediato innalzamento del livello delle performance.

Di fatto, ciò ha determinato, nel corso degli ultimi anni, un aumento della domanda di questi interventi da parte delle società, a fronte della comprovata efficacia del business coaching nel migliorare le prestazioni dei lavoratori che fanno parte di un gruppo rafforzato e, in certi casi, anche nel risollevare le sorti di una realtà che sta attraversando un momento di crisi.

Questo è importante per gestire il team affinchè ciascun gruppo ha la propria identità che richiede di essere riconosciuta, ma allo stesso tempo possiede una sua personalità che deve essere trattata con metodologie specifiche per poter rendere al massimo delle proprie possibilità.

Al di là delle prestazioni individuali, infatti, ciò che realmente conta in una società è il modo in cui il lavoro di diverse persone si sincronizza, dal momento che i lavoratori che operano in team devono necessariamente inerirsi all’interno delle dinamiche e le funzioni appartenenti al proprio ambiente perché tutto si possa svolgere in maniera efficace.

Perciò un potenziamento per sviluppare il lavoro di squadra, comprensivo delle relazioni e dei rapporti di lavoro che intercorrono tra gli individui, si rivela molto più fruttuoso piuttosto che un intervento mirato al singolo per migliorare la sua individuale performance.

Team coaching in azienda: cos’è e come applicarlo

Che cos’è il team coaching

L’essenza del team coaching risiede nell’essere un tipo di intervento che si applica a gruppi di lavoro, team o dipartimenti. Occorre tuttavia distinguerlo nettamente dalle attività di team building, che si configurano come progetti formativi a tutti gli effetti improntati a migliorare l’operato del gruppo in termini prettamente prestazionali, allo scopo di contribuire in modo più significativo a portare l’azienda a livelli più elevati.

Una caratteristica del team coaching è quella di essere affidata nelle mani di un coach per delineare e costruire un programma di lavoro non standardizzato, ma tagliato su misura per la singola impresa, grazie a un metodo elastico che può essere facilmente adattato alle diverse realtà e ai diversi gruppi.

Tale piano per creare un team competitivo verrà illustrato in modo trasparente e dettagliato prima dell’avvio delle fasi iniziali, da parte del dirigente che ha richiesto l’intervento del coach, che dovrà anche comunicare gli obiettivi e le aspettative.

In tal modo, coloro che sono chiamati in un percorso di coaching aziendale possano affrontare l’intervento avendo già una panoramica di cosa avverrà e dei cambiamenti cui si andrà incontro, liberi da timori o dannose incertezze, ma con uno spirito fiducioso nel futuro che possa fungere da trampolino di lancio per una valida collaborazione con il coach e con i colleghi.

Sebbene queste attività non siano destinate ad essere svolte in location particolari e non prevedano esperienze adrenaliniche come il team building, l’impatto sarà comunque forte, poiché il team coaching metterà i protagonisti di fronte alle loro debolezze e ai loro punti di forza, e di conseguenza infonderà fiducia nella possibilità di migliorare le proprie soft skill così come le hard skill per completarsi come professionisti.

A cosa serve il team coaching

Nonostante le prospettive del team coaching siano molto promettenti, alcune imprese mostrano delle diffidenze nell’intraprendere questo processo, e molti lavoratori si chiedono se effettivamente risulterà efficace sul lungo termine e a cosa serva realmente il team coaching.

Per chiarire questo punto e vincere tutte le resistenze, è utile comprendere come debba essere strutturato il processo formativo, quali modalità dovrebbero essere adottare e come implementarle e incastrarle tra loro in modo che l’intervento risulti davvero utile per la produttività delle aziende.

I colleghi, sotto la guida del coach, analizzano tipiche situazioni quotidiane per identificare le aree in cui è possibile operare un miglioramento e per affrontare il cambiamento in azienda proporre dei comportamenti efficaci a raggiungere lo scopo.

Al termine dell’esercizio, con il rientro in ufficio, i colleghi dovranno mantenere lo stesso rapporto di reciproco sostegno e collaborazione, come a continuazione della sessione. Questo metodo serve per aumentare l’affiatamento e la cooperazione, monitorando i progressi nel corso del tempo.

Inoltre, durante il progetto si svolgono anche degli incontri tra il manager e il collaboratore, al fine di rimandare reciprocamente dei feedback in merito all’andamento del progetto. Vengono condivise le aspettative precedenti l’inizio dell’intervento, e avviene anche un confronto costruttivo riguardo quanto riscontrato in merito al raggiungimento degli obiettivi preposti, così da definire ulteriori strategie per far progredire il percorso al meglio.

Non si tratta quindi di porre una valutazioni, ma di colloqui che avvengono con una cadenza regolare, al fine di verificare di volta in volta l’efficacia e l’avvicinamento alla meta finale, e sono quindi di grande importanza.

Infine, di estremo valore è anche il miglioramento della comunicazione efficace e dell’ascolto attivo tra tutti le figure coinvolte all’interno di un team dell’intera organizzazione.

A chi si rivolge il team coaching

Il team coaching si rivolge a tutte le realtà presenti nell’organigramma aziendale, in quanto ciascuna di esse può trarne utilità, che si tratti di imprese piccole, di singoli dipartimenti o di aziende più grandi, fino alla direzione.

L’intervento prevede la partecipazione del gruppo di lavoro nella sua totalità, non solo dell’imprenditore che ne richiede l’avvio: è necessaria la collaborazione di tutti per raggiungere i risultati auspicati. Per questo motivo si lavora preferibilmente in piccoli gruppi, contesto che rappresenta la condizione ottimale per favorire l’aiuto reciproco, incrementando il senso di autoefficacia e anche il clima aziendale.

Lo scopo principale infatti è quello di coinvolgere tutti in modo che ciascuno acquisisca la chiara consapevolezza delle proprie capacità e competenze, così come della propria responsabilità nel contribuire alle prestazioni dell’impresa e al suo fatturato.

Questa presa di coscienza rappresenterà il trampolino di lancio per iniziare un processo che possa portare all’espressione del massimo potenziale da parte di ciascun elemento dell’organizzazione aziendale.

Obiettivi del team coaching

Infine, concludiamo cercando di delineare grossolanamente gli obiettivi che si pone un intervento di team coaching. Strutturare un discorso preciso è impossibile, in quanto il metodo si adatta in base alla struttura organizzativa in modo da rispondere alle sue specifiche esigenze, pertanto il progetto risulterà di volta in volta diverso. In ogni caso, la determinazione degli obiettivi rappresenta il primo passo dell’analisi iniziale che precede l’avvio del processo, e risulta quindi di primaria importanza.

In generale, possiamo dire che il macro obiettivo è rivolto al miglioramento della produttività aziendale, ma per ottenerlo si passa per un lavoro sui singoli protagonisti, volto a incrementare la loro fiducia reciproca e in se stessi, a ridefinire in modo chiaro i ruoli e conseguentemente assumersi senza timore le proprie responsabilità nelle prestazioni aziendali.

Questo passo sarà fondamentale per accrescere la motivazione che orienta all’ottenimento del risultato sperato, e incrementerà anche il senso di appartenenza alla propria impresa e al proprio gruppo di lavoro, che risulterà così più affiatato e collaborativo, oltre che maggiormente comunicativo in modo funzionale.

Anche la leadership svolge un ruolo consistente in questo processo, e infatti un altro intenso del team coaching è quello di rafforzare questo aspetto (a tal proposito, si veda l’approfondimento “Le caratteristiche di un buon leader” pubblicato su questo blog). Alla fine, grazie all’incastro sinergico di tutti questi obiettivi che verranno raggiunti attraverso la guida e il supporto di un esperto, si potrà realizzare un vero progetto di cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiare

Il Magazine di Impreditori che cambiano

Cambiare

Il Magazine di Impreditori che cambiano.

Al suo interno trovi articoli, editoriali, interviste a imprenditori e spunti di riflessione utili a chi fa impresa e vuole capire come evolvere il proprio business e mantenerlo al passo con i cambiamenti.

Articoli correlati

Sunday Coffe

Iscriviti alla Newsletter

Ogni domenica mattina ricevi Sunday Coffee, il momento ideale per riflettere, leggere con calma e trovare ispirazioni per allenarti al cambiamento.