Come fare un’analisi di mercato: strumenti e metodi da utilizzare

Raggiungere traguardi aziendali significativi, accompagnati da profitti considerevoli, è lo scopo che anima ogni attività d’impresa: per ottenerlo serve una strategia di marketing “vincente” che, a sua volta, non può prescindere dall’analisi preventiva del mercato in cui l’azienda è operativa.

Si tratta di un’attività importantissima per ogni azienda, il cui esito consentirà all’imprenditore di ampliare la conoscenza del suo settore di riferimento e di elaborare un “business plan” attraverso il quale finalizzare le risorse a disposizione verso l’obiettivo prefissato.

Come fare un’analisi di mercato strumenti e metodi da utilizzare

Cos’è l’analisi di mercato

Ogni imprenditore si trova, nel corso della sua vita lavorativa, ad analizzare il contesto economico nel quale svolge la sua professione: è un’azione spontanea che, talvolta, va fatta di proposito, con lo scopo di acquisire la consapevolezza dei potenziali guadagni ottenibili e dei rischi eventualmente connessi al progetto avviato.

L’analisi di mercato consiste, infatti, in una indagine che investe tutti i campi della singola attività imprenditoriale e fa diretto riferimento al segmento di pubblico che rappresenta la cosiddetta “target audience” dell’organizzazione aziendale.

Lo sviluppo di una strategia di marketing “vincente” prevede la preventiva comparazione di diversi elementi, sia di carattere qualitativo che quantitativo: ed è proprio attraverso la ricerca di mercato che l’azienda ha la possibilità di raccogliere tutte le informazioni relative alle opportunità di vendita dei prodotti e dei servizi offerti.

Obiettivi dell’indagine di mercato

Puoi eseguire una ricerca di mercato servendoti di strumenti analitici e statistici, che ti permettano di conoscere e comprendere meglio il contesto socioeconomico in cui opera la tua impresa.

Si tratta di un approccio multidisciplinare che, passando anche attraverso la valutazione del comportamento degli utenti e di quello della concorrenza più diretta, può fornirti una visione d’insieme del settore di riferimento.

Attraverso l’indagine di mercato potrai:

  • Selezionare nuovi settori nei quali investire le risorse disponibili.
  • Individuare (e decidere di aggirare) i potenziali fattori di rischio dell’attività.
  • Prevedere gli eventuali mutamenti futuri del mercato.
  • Analizzare l’attività (e gli errori) dei tuoi competitors.
  • Valutare l’esperienza di acquisto dei tuoi clienti (la cosiddetta “customer satisfaction”).
  • Applicare nuovi sistemi di fidelizzazione della clientela.
  • Ottimizzare le strategie di comunicazione e adottare nuovi strumenti pubblicitari.

In pratica, quindi, la ricerca di mercato rappresenta l’attività in grado di fornire alla tua azienda numerosi benefici, primo fra tutti lo sviluppo di una base decisionale sulla quale fondare la strategia di marketing più opportuna.

A cosa serve un’analisi di mercato

Lo scopo primario di ogni realtà aziendale è quello di posizionarsi in maniera positiva all’interno del mercato in cui ha deciso di operare.
Supponiamo, per esempio, tu abbia in mente di aprire una Start up: per realizzare questo intento in modo costruttivo, la tua nuova impresa deve necessariamente interrogarsi sulla quantità e qualità degli obiettivi che si propone di raggiungere.

La risposta a questa interrogazione non può che provenire da un’attenta analisi di mercato, che valuti tutti i punti cruciali relativi alle opportunità di profitto e ai rischi d’impresa, cercando di bilanciarli, almeno in via teorica e preventiva.

Ma svolgere un’indagine di mercato è un’azione necessaria anche se hai un’impresa già operativa da tempo.
Se la tua è un’azienda affermata, infatti, l’obiettivo non sarà solo quello di mantenere la posizione acquisita: piuttosto, cercherai di migliorarla, tenendo conto dei possibili fattori di mutamento del mercato, valutandone l’entità e preventivando l’impatto che possono avere sulla tua attività.

Per farlo, puoi per esempio pianificare il lancio di nuovi prodotti, oppure decidere di offrire servizi innovativi, potenziando l’utilizzo delle risorse allo scopo di incrementare i profitti.
Ed è qui che rileva l’importanza di svolgere un’analisi di mercato: attraverso le sue risultanze potrai conoscere quali sono le opportunità da tenere maggiormente in considerazione per progettare lo sviluppo e ottimizzare le vendite.

Dopo aver conosciuto le caratteristiche del mercato di riferimento e le richieste dei consumatori, potrai anche decidere di avviare una campagna promozionale che non solo risponda alle necessità della clientela già fidelizzata, ma ti permetta anche di accedere a un bacino di utenza più ampio.

Come si fa un’analisi di mercato

Vediamo quindi quali sono i passi da percorrere per condurre un’indagine costruttiva e trarne spunti che ti permettano di ottimizzare i risultati della tua attività.

Definisci lo scopo della ricerca

Qual è il tuo progetto, ampliare un’azienda già operativa, oppure avviare una nuova impresa?

L’analisi di mercato non può essere identica in entrambi i casi: nel primo, sarà finalizzata a selezionare nuove zone di profitto, nel secondo tenderà a creare nuove strategie pubblicitarie per attirare la clientela.

Solo strutturando l’indagine sulla base dell’intento da raggiungere, avrai la certezza di ottenere risposte utili e adeguate.

Valuta la natura e la portata del mercato

Dopo aver individuato il settore di riferimento della tua attività, utilizza l’indagine per valutarne le caratteristiche; impiega le giuste risorse di ricerca e cerca di canalizzarle solo verso i fattori più rilevanti per la tua azienda (logistici, demografici o geografici, sempre riferiti al pubblico di destinazione).

Scegli i settori di mercato da considerare

Anche questo momento dell’indagine è diverso a seconda dello scopo da raggiungere: se desideri incrementare la tua attività, dovrai individuare nuove zone di mercato da conoscere in modo specifico e approfondito.

Diversamente, se vuoi avviare una nuova impresa o pubblicizzare un nuovo prodotto, puoi analizzare le reazioni dei consumatori già presenti all’interno di un determinato settore di mercato, valutando se ti conviene entrare a farne parte.

Individua il “target ottimale” di pubblico

Stabilire quale sia il pubblico di riferimento della tua impresa è essenziale per pianificare la giusta strategia aziendale: attraverso i sondaggi, potrai studiare il comportamento dei vari utenti e decidere quali sono le categorie verso le quali dirigere la tua offerta di beni e servizi.

Scegli il tipo di ricerca da svolgere

Una volta individuati gli elementi precedenti, affida la tua indagine al “canale analitico” più adeguato alle tue esigenze.

Puoi servirti, per esempio, di un software o di una piattaforma di sondaggi on line: il contenuto dell’indagine potrà articolarsi in questionari a risposta multipla, ma anche consistere in interviste personalizzate rivolte ai consumatori, oppure ancora può trattarsi di una lista di preferenze stilata direttamente dai singoli utenti.

Valuta i risultati dell’indagine

Conclusa la fase di ricerca, non ti rimane che interpretarne i risultati: questo è il momento in cui elaborare la strategia di marketing e la politica di comunicazione più adeguate al tuo business.
Valutare i dati di mercato ti permetterà anche di stabilire quali sono i prodotti e i servizi maggiormente apprezzati dai consumatori e, di conseguenza, verso quali aree di domanda dirigere la tua offerta.

Esempio di analisi di mercato

Abbiamo già specificato, almeno in linea teorica, che l’analisi di mercato più efficace è quella che viene condotta attraverso un approccio multidisciplinare e che spesso presuppone l’utilizzo di un mix di indagini diverse.

Sondaggi on line, statistiche, banche dati, analisi psicologiche e sociologiche, interviste dirette o telefoniche: tutti questi sono solo alcuni degli strumenti attraverso i quali condurre un’indagine di mercato.
Ma come si ottiene un risultato finale che permetta di avere una visione concreta e univoca del mercato di riferimento?

Supponiamo che ti interessi definire in modo ottimale i singoli prezzi di una determinata categoria di prodotti.
Il relativo sondaggio dovrà individuare il valore dei prodotti, così come realmente percepito dai consumatori: ma quali sono gli strumenti per effettuarlo?

Il trend più attuale fa riferimento ai sondaggi on line che utilizzano le risorse del web per realizzare ricerche di mercato: nella fattispecie, puoi affidare la tua indagine a una piattaforma digitale, i cui metodi di ricerca sono ampliati dalla collaborazione attiva con l’eCommerce, un settore sempre più in espansione che costituisce l’indicatore più accreditato di prezzi e preferenze.

Oltre a servirsi di strumenti estremamente agili e funzionali, come i template personalizzabili, la piattaforma che effettua sondaggi on line è in grado di raggiungere un pubblico vastissimo e di fornire risultati conoscibili in tempo reale.

Da parte sua, il tool telematico utilizzato è in grado di elaborare dati, analizzarli, visualizzarli graficamente e organizzarli in statistiche che potrai immediatamente consultare e valutare.

Il risultato? Un riscontro preciso e dettagliato dei prezzi di quella categoria di prodotti, corredato dalle preferenze dei consumatori, sulla base del quale elaborare la tua personale strategia dei prezzi.
Il tutto con un importante valore aggiunto: l’opzione che permette, con un “click”, di condividere la ricerca effettuata con tutti i contatti presenti sul tuo database.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cambiare

Il Magazine di Impreditori che cambiano

Cambiare

Il Magazine di Impreditori che cambiano.

Al suo interno trovi articoli, editoriali, interviste a imprenditori e spunti di riflessione utili a chi fa impresa e vuole capire come evolvere il proprio business e mantenerlo al passo con i cambiamenti.

Articoli correlati

Sunday Coffe

Iscriviti alla Newsletter

Ogni domenica mattina ricevi Sunday Coffee, il momento ideale per riflettere, leggere con calma e trovare ispirazioni per allenarti al cambiamento.