Cosa sono gli archetipi e perché sono utili al tuo brand

Scriviamo quest’ultimo articolo prima dell’estate per parlare di un argomento che ci sta molto a cuore: definire cos’è importante oggi per un brand per farsi scegliere dal proprio pubblico, rendendosi davvero unico e memorabile.

La prima cosa è avere chiara la personalità del proprio brand. Come puoi identificarla? Attraverso uno strumento utilissimo di cui parleremo oggi: l’analisi degli archetipi.

Questo articolo prende spunto da una live che abbiamo fatto nella nostra community: Renditi unico e memorabile.

Identificare la personalità del tuo brand

L’analisi degli archetipi è uno strumento che associa ai diversi brand modelli universali di comportamento che tutti, per abitudine, comprendiamo d’stinto.

Spesso acquistiamo prodotti o servizi perché percepiamo quel brand vicino a noi in modo quasi istintivo, perché ci è familiare: riconosciamo in lui caratteristiche nostre. Se è vero che le aziende devono sperimentare, sperimentano anche i clienti, valutando diversi brand e capendo qual è quello più vicino al loro mondo e ai loro valori.

Quando un’azienda riesce a far emergere in modo chiaro le caratteristiche intrinseche del brand (che non sono solo quelle tecniche), ecco che scatta quell’immedesimazione.

Questo perché riesci a entrare in connessione in modo profondo con i potenziali clienti che sposano l’etica e i valori che hanno percepito dal tuo messaggio e dalla tua personalità.

Archetipo del Fuorilegge

Cosa sono e a cosa servono gli archetipi

Gli archetipi sono strutture mentali identificate dallo psicologo Carl Gustav Jung che fanno parte dell’umanità da sempre. Ecco perché possono essere utili anche per rendere riconoscibile un brand: aiutano a veicolare un messaggio che colpisce subito il cliente, perché in realtà, dentro di sé, lo conosceva già.

Gli archetipi sono in tutto dodici:

  • L’Innocente
  • L’Esploratore
  • Il Saggio
  • L’Eroe
  • Il Ribelle
  • Il Mago
  • L’Uomo Comune
  • L’Amante
  • Il Burlone
  • L’Angelo Custode
  • Il Creatore
  • Il Sovrano

Margaret Mark e Carol S. Pearson, esperti di branding e della scienza degli archetipi applicata al marketing, ci dicono che:

“Gli archetipi sono il battito del cuore di un marchio perché trasmettono un significato che fa sì che i clienti si relazionino a un prodotto come se fosse effettivamente vivo in qualche modo, hanno una relazione con esso e se ne prendono cura”.

Sappiamo di avere connessioni emotive con alcuni marchi nonostante sia una relazione basata su una transazione. Sappiamo anche che il motivo per cui ci sentiamo in questo modo si basa sul modo in cui questi marchi comunicano con noi e lo fanno sfruttando la scienza degli archetipi.

Probabilmente la scienza degli archetipi ha influenzato anche te, anche se non lo sai: ciò che hai in tasca, la tua borsa per la palestra, i tuoi pantaloni per andare in ufficio o la pasta che mangi ogni settimana sono il risultato della connessione con l’archetipo che quel brand rappresenta.

Secondo Gerald Zaltman, professore di Harvard, il 95% delle nostre decisioni di acquisto viene presa nella cosiddetta mente subconscia. Ciò significa che i marchi con una forte personalità archetipica, che si connette a livello emotivo con il loro pubblico, hanno un enorme vantaggio rispetto alla concorrenza.

Ecco perché, se non vuoi essere solo un’altra attività sul mercato in competizione per prezzo, vantaggi e funzionalità, dovrai entrare in contatto con il tuo pubblico a un livello più profondo.

Il tuo marchio ha bisogno di una vera e propria personalità, deve diventare una persona con un suo preciso tono di voce.

Come trovare l’archetipo del tuo brand

Il trucco è partire dal target, e identificare prima di tutto la personalità del tuo cliente, quindi allineare il tuo marchio con l’archetipo che fa appello al desiderio profondo del tuo cliente e confrontarlo con quelli che caratterizzano il tuo brand.

Ad esempio, noi abbiamo fatto questa analisi per Imprenditori che cambiano e la comunicazione che abbiamo con i nostri clienti, e abbiamo identificato le caratteristiche di Indiana Jones, l’Esploratore: si sperimenta, si attraversano giungle con intoppi, problemi e pericoli a cui si trovano soluzioni pratiche grazie a un’attenta analisi della situazione.

Un altro esempio è quello dell’archetipo del Fuorilegge, che ama la rivoluzione e rompere le regole. Lo ritrovi in Harley Davidson, o Diesel, in cui le linee guida per la personalità del brand sono legate al cambiamento, alla rivincita, all’indipendenza. I settori che usano questo tipo di stile sono soprattutto l’automotive e i brand di abbigliamento alternativo.

A cosa serve fare questo lavoro di ricerca del proprio archetipo? A posizionarsi in un modo differente e a rendersi unici e desiderabili in un mercato in cui siamo bombardati da proposte e messaggi. Conoscere queste informazioni ti farà scegliere il giusto tono di voce con cui esprimerti e ti renderà immediatamente un membro della famiglia del tuo cliente.

Se hai bisogno di ripartire a settembre con una visione più chiara di dove vuoi arrivare, e sei interessato alla scienza degli archetipi per migliorare la comunicazione del tuo brand, non ti resta che contattarci per fissare una prima business coaching gratuita.

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *