Seleziona una pagina

Se sei nato agli inizi degli anni ’70 (o prima) sono piuttosto sicura che questa pubblicità è impressa nella tua testa. E che pubblicità……un tormentone che ci ha accompagnato a lungo sottolineando più volte la forza del passaparola.

Così semplice e così potente e con effetto che oggi definiremmo ‘virale’. Un effetto che probabilmente ancora ti fa scegliere Perlana davanti allo scaffale degli ammorbidenti.

Se sei più giovane, e non ti ricordi questa pubblicità ti consiglio di farti un giro su youtube per capirne la potenza in quegli anni.

Oggi vorrei celebrare la forza del passaparola, ma anche attualizzare questo strumento e analizzare quando funziona e quando NON funziona.

La comunicazione parte non dalla bocca che parla ma dall’orecchio che ascolta.

Cit. Anonimo

Lo scopo del passaparola è quello di portarti nuovi clienti, li definisco ‘nuovi clienti speciali’ perché nella loro testa tu sei già un buon fornitore poiché il tuo nome è stato suggerito da qualcuno di cui si fida.

Men shaking hands. Top view of two men shaking hands while standing on the wooden floor

Ti faccio un esempio.

Se un amico ti consiglia un buon ristorante tu sei molto orientato a provarlo perché conosci i suoi gusti, li condividi e sai che puoi fidarti.

Se poi l’amico ti racconta l’ottima esperienza che ha avuto, ti spiega i piatti che ha mangiato ed è entusiasta senz’altro tu lo vorrai provare.

Ora immagina che il ristorante di cui ti parlo sia un ristorante di ‘solo di pesce fritto’ con un ottimo cibo e servizio e delle buone iniziative di promozione e comunicazione. Nella tua mente si fissa facilmente e va subito a occupare uno spazio ben preciso.

Nel momento in cui, un giorno qualunque, a pranzo, un amico avesse voglia di una frittura di mare, ecco riaffiorare il ricordo del ristorante ‘solo di pesce fritto’  nella tua mente e saresti pronto e desideroso di raccontare questo straordinario posto nel quale hai mangiato.

Ricorda: la gente ama dare buoni consigli perché colma il naturale desiderio di sentirsi utile che aumenta il proprio status. Suggerire qualcosa a qualcuno è un’occasione per dimostrare di saperne di più. E chi se la fa sfuggire un’opportunità per compiacere il proprio ego?

Come ti ho detto all’inizio il passaparola è uno strumento davvero influente nelle decisioni di acquisto.

Ma ora ti chiedo……

Il passaparola può bastare per far crescere il tuo business?

Se ti affidi solo al passaparola e al caso con il quale avviene ti devo dire che si tratta di una goccia in mezzo al mare.

Tu e la tua impresa dovete aver sviluppato un ottimo marketing strategico per essere ben posizionati nelle menti dei clienti ed essere ricordati al momento giusto.

Non è colpa tua sia chiaro, nella maggior parte delle piccole e medie imprese italiane non è semplice attuare una strategia e degli schemi efficaci.

Anche se hai letto molti libri e seguito corsi di formazione di esperti di marketing il vero problema è trovare il TEMPO per poter mettere in pratica tutto quello che hai imparato.

Scommetto che le ore di una giornata non ti bastano per fare tutto quello che vorresti, devi occuparti della produzione, della distribuzione, del personale e poi il commercialista e il fine mese da gestire.

La sera studi dopo cena fino a tardi e nonostante ciò ti manca il tempo per mettere in pratica, testare le strategie, rifarle e misurare i risultati.

Credimi, ti capiamo benissimo, noi nel nostro piccolo viviamo gli stessi problemi, perché anche noi gestiamo una piccola impresa e ci troviamo a doverci occupare di tutto, non abbiamo un responsabile delle risorse umane o un direttore operativo, ma non potremmo mai fare a meno del nostro sistema di marketing, che lavora per noi ogni giorno 24h su 24h 🙂

Ora, torniamo per un momento al nostro passaparola.

Negli anni 70-80 ‘Perlana…..Passaparola’ funzionava e sfruttava tra l’altro un canale altrettanto potente come la televisione.

Ora fatti una domanda?

Tu che posizione occupi nelle teste dei tuoi clienti? Quante volte ti trovi a dover spiegare le caratteristiche del tuo prodotto ai clienti? Quanti concorrenti hai che offrono più o meno il tuo stesso prodotto?

Le persone sono stufe di sentire “spiegoni” di prodotti tutti uguali e affidarsi solo al passaparola perché la qualità del tuo prodotto è ottima credimi, è un errore e NON basta per fare la differenza.

Se ci conosci e hai letto altri nostri articoli sai bene che il marketing per noi non è MAI una sola iniziativa ma un mix di strategie pensate e studiate per la tua realtà, il tuo territorio, i tuoi clienti e i tuoi concorrenti.

C’è il boom della comunicazione: tutti a comunicare che stanno comunicando.
Cit. Altan

Puoi controllare il passaparola?

Provo a dirti come la vedo io.

Un po’ sì, nel senso che il passaparola lo puoi stimolare, puoi fare in modo che la tua specializzazione sia così chiara nella mente dei tuoi clienti che al bisogno emerga il ricordo.

E poi, puoi suggerire ai tuoi clienti di parlare di te, di consigliarti.

Quando offri un’esperienza eccellente e sei certo che fai quello che dici, puoi spingerti a chiedere di essere referenziato, magari offrendo un incentivo.

Insomma il passaparola lo puoi scatenare ma non può essere l’unico fattore a portarti nuovi clienti e, soprattutto, lo devi inserire in una strategia ben più ampia con effetti misurabili.

Se hai voglia di sapere come puoi TRASFORMARE la tua impresa in un orologio di precisione che ti permette di generare costantemente nuovi clienti richiedici subito una consulenza GRATUITA e ti racconteremo come il sistema IMPRENDITORI CHE CAMBIANO ti aiuterà a trovare nuovi clienti e a rendere la tua impresa più produttiva.

banner2